Coscine di pollo

Standard

Allyson Felix

Mi chiamo Allyson Felix, e questa è la mia storia. Ho iniziato col basket, e tutti mi chiamavano "coscine di pollo". Non mi piaceva un granchè perchè, anche se ho le gambe magre, sapevo di poter essere forte. Bè, sono entrata nella squadra di atletica e  volevo dimostrare che si sbagliavano. Poi ho cominciato a correre contro atleti professionisti, e alcuni dei miei sogni sono diventati realtà. La gente, scoraggiandoti, può spingerti ad ottenere cose a cui non pensavi nemmeno di arrivare. Essere chiamata "coscine di pollo" è stata la leva che mi ha motivato. Ancora mi chiamano così.

Impossible is nothing.

Giochino da parte di una gatta… ☺

Standard

Regolamento:

1. Posta queste regole.

2. Racconta otto fatti bizzarri o casuali su di te.

3. Dedica un post del tuo blog a questo racconto.

4. Includi il link di chi ti ha taggato.

5. Alla fine del post indica otto bloggers che vuoi che dovranno ripetere il gioco.

6. Lascia un commento sulla pagina di chi vuoi coinvolgere.


1) Ho fatto quasi cadere un tipo dalla bicicletta. Stavamo entrambi per attraversare la strada, ci siamo guardati per vedere chi dovesse passare per primo, io ho sorriso, mi sono fermata, e lui ha perso il controllo del mezzo: gli è scappato il manubrio di mano, gli sono caduti sciarpa, occhiali, valigetta.. tutto. Si è dovuto fermare, ricomporsi e darsi un tono facendomi un largo sorriso. Poi tutto imbarazzato, è pedalato via.. 😀

2) La gente mi chiede perchè non so nuotare: per loro è facile, basta mettere il boccaglio e l’acqua non va in bocca e nel naso. Ma io ho sempre risposto: se il boccaglio sopra è bucato, l’acqua non ci va lo stesso quando ti immergi??? Non ho mai ricevuto spiegazioni attendibili.. 🙂

4) Il mio nick, maggietheflower, è nato da una mia interpretazione di una ragazza inglese.
In una sera di sole donne, io e le mie amiche andammo in un locale dove subito si avvicinò un tipo. A me saltava il ticchio di fare la scema, così cominciai a parlare inglese fingendo di provenire da Londra. Quando si presentò disse:"Nice to meet you. I’m Damiano, Damiano the devil". Così io gli risposi:"Me too, i’m Maggie, Maggie the flower".(non sapevo che inventare, così mi venne in mente di chiamarmi Margaret – diminutivo Maggie – visto che le mie margherite sono i miei fiori preferiti.. :love:) Da allora il mio nick è stato Maggietheflower… Margherita il fiore..La margherita è un fiore, ma non sono sicura che lui sia stato un diavolo.. mah…

5) Una volta a Firenze mi hanno fermato in cinque minuti: dei ragazzini che mi hanno filmato perchè dicevano che assomigliavo alla Gioconda e stavano facendo un reportage con la telecamera, dei testimoni di Geova che mi hanno sommerso con il loro giornalino "La Torre di Guardia", uno che voleva da accendere, un’altro che mi ha offerto da bere e uno che voleva darmi una sigaretta. L’amica che era venuta a trovarmi mi ha detto: "Certo che tu sei popolare qui eh.."

6) Ogni sera io e il mio ragazzo ci scriviamo la buonanotte per sms. Ogni mattina non ricordo cosa gli ho scritto, perchè sono talmente insonnolita la sera che glielo mando da sonnambula..

7) Ogni volta che arrivo ad un certo semaforo a Firenze per attraversare la strada, questo diventa verde. Tuttavia quello davanti all’università diventa sempre rosso appena mi vede

8) Una volta ho visto una targa che era così, lo giuro: BO 007 JA