Mese: febbraio 2008

Giornata Paperino

Scrivo dalla prestigiosa università di giurisprudenza sita IN Firenze, tentando nell’attesa di ingannare il tempo fino alle due… oggi è stata semplicemente una giornatina di quelle coi controfiocchi, o meglio una mattinatina, perchè ancora non è finita ma spero che lo sia.. inizio svegliandomi alle quattro. Così, senza un perchè, e naturalmente non riesco più ad addormentarmi.. dopo essere uscita di casa, dopo che l’mp3 si era scaricato, dopo mezz’ora di macchina, più due ore e mezzo di pullman con tipa accanto che russa, più un’altra mezz’ora di fila per arrivare nel capoluogo toscano, sono arrivata a lezione per scoprire che il prof sarebbe andato via prima per consiglio professori. Quindi ho fatto tutta questa fatica per mezz’ora.. E vabbè.. vado a vedere se mi hanno dato il cambio di corso, ma ancora niente. Penso che almeno posso comprare il libro nuovo, perchè se ho una botta di deretano non devo tornare a Firenze per comprarlo ma ce l’ho già.. in ogni caso dovrei ritornarci a Firenze, visto dove abito io non vendono i libri per l’università. Ed in ogni caso …

Sweeney Todd

Ed aggiorniamo un pò le mie pagine di musica jazz, visto che è da molto che non le sfoglio.. e quale modo migliore se non una bella recensione? Ieri sera appunto il mio Ste mi ha portato a vedere Sweeney Todd, il diabolico barbiere di Fleet Street, con il grande Johnny Depp  ed una brava Helena Bonham Carter nei panni della cuoca Nellie Lovett, ex padrona di casa del protagonista e da sempre innamorata di lui. Johnny Depp è stato, come sempre, insuperabile nella sua sesta collaborazione conTim Burton. Il film contiene molte parti cantate, proprio perchè è stato preso da un musical, che a sua volta è stato ispirato da un racconto che a sua volta è stato ispirato, pare, proprio da un fatto realmente accaduto, e che non è accaduto soltanto a Londra, ma anche in diverse parti d’Europa. Il fatto macabro è che non solo il barbiere taglia la gola alle sue vittime, ma con la loro carne ci imbottisce succulenti pasticci, aiutato dalla signora Lovett che gli dà l’idea, bisognosa di …