Cinema, Distrazioni più o meno mondane, Essere me, Guardando nella stessa direzione.
Comments 14

Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo

Giovedì sera sono andata con la mia dolce metà a vedere il bravo Indy, che, anche se invecchiato (eh sì, anche gli eroi invecchiano) si è  comunque difeso bene. Partivo svantaggiata: amiche che mi sconsigliavano perchè già visto e classificato come brutto, tempo novembrino, destino avverso (ogni volta che ho provato ad andarci succedeva qualcosa)… insomma, dopo molte peripezie sono al fine giunta a sedermi sulla comoda poltroncina del Planet multicinema, dove davano il nostro come al secondo posto nella top five dei film più visti, e, una mano nella mano di S., una nelle patatine (che non avevo fatto in tempo a comprare), mi sono goduta il film.  :popcorn:

Devo premettere (Cortuska – ora anche Cortushka – mi perdonerà) che non sono mai riuscita a vedere tutto un film di Indiana Jones per bene, dall’inizio alla fine. Solo a pizzichi e bocconi, e che, per questo motivo, ho registrato tutti i suoi film dati alla tv con la promessa di guardarli come meritano un giorno o l’altro. Con queste premesse, direte voi, mi sarò annoiata. Ed invece no, il film è carino e ben fatto, mi è piaciuto molto, certo ci sono alcune americanate degne del suo essere made in USA ma nel complesso ti prende e ti appassiona. Mi è piaciuto molto l’inizio, quando parte l’ormai storica musichina di Indiana solo quando si inquadra un misterioso (!) personaggio di spalle, vestito di una camicia color caki e munito di cappello di medesimo colore, e mi è piaciuta anche la storia, che riprende un vecchio mito (i teschi di cristallo esistono davvero). Anche la cattiva è stata convincente, di ottima recitazione, e nel complesso non sono state spese invano le 4 euro (giovedì è serata donna) del biglietto. Come accennavo prima, non mi sono piaciute le americanate solite, tipo la storia del frigo che resiste all’esplosione nucleare, di lui che resiste alla sballottolata alla velocità di 100 km orari del frigo senza rompersi nulla, il ragazzo (Mutt???all’anagrafe Matt) che s’improvvisa Tarzan signore delle scimmie, le formichine che salgono l’una sull’altra per formare una scala e raggiungere la vittima appesa alla liana, il disco di metallo gigante che affetta a metà il jippone su cui viaggiano i nostri eroi lasciandolo perfettamente funzionante…ed integro per di più. Ma si sa, Indy è Indy, e nonostante tutto in questo film prende molti più cazzotti di quanto uno potrebbe aspettarsi.. Ci sono state un pò di scene alla Lara Croft, ma tutto sommato lo consiglio, senza dubbio, è un film carino e godibile, con una regia degna di Spielberg. Fatemi sapere se qualcuno lo va a vedere! (Cortuska escluso, ho già letto la sua recensione.. :))

 

Annunci

14 Comments

  1. Ahaha, bella quella dell’erba che cresce XD
    io lo guardo giusto perchè il lunedì sera non c’è molto e spesso sono da sola
    su tutte le puntate trasmesse fino ad ora, ne ho trovate interessanti 3 XD;

    Mi piace

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...