Mese: novembre 2009

Tagli

…. l’ho fatto. Ieri sera mi sono tolta dai giochini di Faccialibro. Era diventato un pensiero ormai… ed un gioco deve servire a svagarsi, a divertirsi, a giocare insomma, mica a stressarti, orsù via!!! E poi io ho i Simsi ecco. E spesso e volentieri questi giochini sono la loro brutta copia. E poi ho Prince of Persia da rifare per la ventesima volta, e Tekken, e Lara Croft.. ah e poi ho anche Cosmopolitan ed il teatro di Dario e Fo e Franca Rame. E, volendo, anche la tesina da preparare per lunedì. Eh.  … Ah, per la cronaca, mi sono cancellata anche da Pet Society. Eh già. Quando una fa una cosa, deve farla per bene.

Armi

Come ben sapete, esistono diverse armi al mondo. Pistole, granate, fucili, bazooka, bombe, spade, pugnali, gas, tette, culi, proposte indecenti etc etc.. MA esiste un altro tipo di arma, a cui ricorro – a volte – per levarmi dalle situazioni d’impaccio. E no, non è quello a cui state pensando. 🙂  L’arma in questione sono i miei occhioni da cerbiatta.  Poniamo l’esempio che, stamattina, avessi dovuto consegnare il certificato medico di mio papà all’INPS. E poniamo sempre il caso che io sia entrata nel cancelluzzo del suddetto INPS approfittando della gentile accortezza di una simpatica ragazza che a quanto pare, all’INPS le scale le pulisce, e che stesse uscendo proprio in quel momento, facendomi sgattaiolare dentro, cosa che altrimenti non avrei potuto fare, visto che gli uffici erano ancora tutti chiusi. Mi fa entrare e mi accompagna da una signora attempata, dai capelli bianchi e stopposi, che, con gli occhi semichiusi, mi dice che devo andare all’ufficio accanto. Ringrazio entrambe, la complicità femminile, e vado. Il problema è che non sono mai stata lì, e …

Seven seconds

Prendo in prestito il titolo della magnifica canzone cantata da Youssou N’Dour e Neneh Cherry per raccontarvi sette cose che non sapete (forse) su di me, su  invito di Eka, a sua volta invitata e cos via, come succede spesso in queste catene che spopolano anche sul blog e che vengono travestite da premi per indorare la pillola. Colgo l’occasione per ringraziare l’ottima Eka del pensiero che ha avuto per me nell’incatenarmi (L’affermazione non è ironica, non perché mi piaccia essere incatenata ma perché è un premio dopotutto. Spero. :P).   Regole: Si ringrazia la persona che l’ha conferito si copia il logo e lo si sistema da qualche parte si linka la persona che l’ha conferito   si svelano 7 cose di noi che per i nostri lettori sono ancora ignote si nominano i 7 bloggers creativi e  si linkano i fortunati vincitori si avvisano i 7 premiati con un commento nei loro blogs.   Or dunque, cominciamo con le confessioni. E non ridete. Dai.    Devo e dico devo risolvere i giochini, fare i …