Manichini viventi

Mi ritrovo ancora una volta mio malgrado a parlare della tv italiana.
Ma è più forte di me quando vedo certi spettacoli che definirli squallidi è poco.
Parlo di programmi come il defunto “Lascia o raddoppia“, programma nato sotto il talento di Mike imbruttito da Papi (ma a chi è che piace? Io non lo sopporto, è mellifluo e lecchino) e involgarito da quella santa ragazza della Fico che in mutande e reggiseno (e questa volta non si tratta di una figura retorica ma della descrizione reale del suo abbigliamento) canticchiava Bubù zampettando per lo studio e salendo e scendendo scale con una minigonna che lasciava (appositamente, data la telecamera che ci si insinuava sotto) ben poco spazio all’immaginazione. Adesso quell’obbrobrio non c’è più. Ma per uno che ne muore un altro ne prende il posto e così vediamo rinascere “La Pupa e il Secchione“, condotto dal medesimo subumano Papi e dalla rediviva Barale, che insieme a sé ha trascinato nella resurrezione il compagno Degan mettendolo a condurre Misteri (di cui si è già parlato). Io questi programmi non li ho mai visti, ma ho guardato degli spezzoni nei telegiornali o a Striscia la Notizia.
La mia opinione? Mi fanno schifo. Non sono né divertenti né simpatici come vogliono far credere. Sono programmi dove le ragazze fanno finta di essere stupide e ignoranti con il solo talento di far vedere il seno e strusciarsi addosso ai secchioni, vanno in giro in topless e ballano sul tavolo con la telecamera che le inquadra da sotto per far vedere le loro grazie.
Io non sono una moralista, né voglio esserlo, né tanto meno vivo nel mondo della Disney: so bene che la donna è sempre stata usata nel mondo dello spettacolo come specchietto per le allodole, partiamo dagli anni ’70 fino agli anni ’80 e ’90 (basti pensare a Drive In) ma a me questi di oggi sembrano più trailer per le commedie sexy all’italiana che programmi, se devo dirla tutta.
Insomma la trama c’è: il verginello secchione sedotto dall’ammaliante e smaliziata ragazza ignorante che alla fine riesce a diventare uomo e pure Siffredi.
Un’altra cosa che non tollero è l’ipocrisia che si respira, e non solo in questo format in particolare: si censurano i cartoni per i bambini pensando alle povere anime innocenti e non si censurano loro?  Ma per favore.
E, altra cosa: io mi sono sempre vantata di essere una femminista. Non di quelle radicali, sciocche e vuote che criticano sterilmente qualsiasi cosa faccia il Maschio ma di quelle che veramente vogliono raggiungere un qualcosa con le loro opinioni (almeno, spero che sia così). Ecco, nonostante io sia femminista, in questi casi è impossibile non dar ragione agli uomini e dire che quelle sono tegamini (scusatemi il francesismo) per cui tolta la testa il resto è buono, perché lo penso anche io. Il fingere di non sapere chi è Leonardo da Vinci, lo strusciarsi addosso agli uomini, il far vedere a destra e a manca le proprie grazie fa crollare tutto ciò che le donne del passato hanno faticosamente costruito per distaccare l’immagine della femmina dall’equazione: donna = senza cervello e donna è in televisione e prende un sacco di soldi = l’ha data via. Sembra che esageri, ma voi, quando vedete la Fico sullo schermo, cosa pensate? Che è lì per la sua cultura, la sua intelligenza e per il duro lavoro che ha fatto nel corso del tempo?
So bene che questo è un discorso in particolare, e non voglio generalizzare né dire che tutti quelli che guardano questi programmi pensino che tutte le donne siano di quel genere. So bene che ci sono i maschietti intelligenti che dicono “non sono tutte così” ma in ogni caso guardando quelle sgallettate con le poppe al vento non posso far altro che pensare ad una strumentalizzazione della donna ancora più grave,  perché da lei voluta. Strumentalizzazione che si fa anche  di figure storiche, insinuando chissà quale strano rapporto fra di loro: Marylin e Einstain. Perché per come dicono loro, Marylin è il simbolo delle donne stupide ma belle che la danno ai secchioni vergini come Einstain. Ma ci sarebbero decine e decine di esempi, dalla pubblicità della Saratoga con Giovanna che rivernicia e la moglie consenziente alla già nominata Raffaella Fico.
Ed è vedendo queste cose che nascono le bimbaminkia moderne, i casi umani, le bimbe che danno la propria verginità in cambio di una ricarica, la undicenne che spaccia per comprarsi i vestiti e gli accessori di lusso, l’adolescente che invece di studiare e impegnarsi fa i video su youtube dove balla e canta facendo vedere mutandine e gel della Durex sperando che qualcuno in alto possa notarla, la ragazza della mia età che pensa a farsi la sesta perché così passa il provino per la tv invece che i l prossimo esame.
Poi non lamentiamoci di cosa abbiamo davanti. Perché è quello che ci siamo meritati.
Annunci

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...