Mese: agosto 2011

Bamboccioni in provetta.

Oggi mentre mi recavo “a lavoro” (uno dei miei lavoretti da studente, come li chiamo io) riflettevo sul sistema università. Sono sempre stata del parere che l’università italiana abbia molti deficit e che andrebbe rivista in molti punti, come tutto il sistema dell’istruzione del resto, ma oggi ho raggiunto un livello di antipatia contro questa povera istituzione che non avevo mai raggiunto prima. Oggi infatti ho pensato all’università come un parcheggio per ragazzi. Ho pensato che negli anni immediatamente precedenti a questi, dove la maturità contava ancora qualcosa e permetteva di fare molte cose, non c’erano tutti questi “bamboccioni” che ci sono oggi. E’ vero che i tempi erano diversi e che l’economia andava meglio ma riflettendoci bene ho concluso che quelli che sono “bamboccioni” oggi appartengono alla generazione in cui l’università ha acquisito importanza nell’immaginario collettivo come il passepartout per lavori migliori e più retribuiti. Come fosse una sorta di raccoglitore in cui inserire i giovani e “fermarli” fino ad una certa età, altrimenti non mi spiego il perché non adottare misure più agevoli …