Abitanti della blogosfera, Distrazioni più o meno mondane, Emmobastaveramenteperò, Essere me, Figlie di Eva, Televisione
Comments 14

The butterfly effect

Tutti noi dopo la seconda serata del festival di Sanremo ormai sappiamo che Belen ha una farfalla tatuata sull’inguine, e questo grazie allo spacco vertiginoso del vestito che le arrivava all’ombelico. Belen è una bellissima ragazza, anzi più che bella direi che è molto sexy, per questo riscuote consensi ed ammirazione. Inoltre è mediamente simpatica, sa pronunciare cognomi e risulta quasi “vera”, al contrario della Canalis che non sa dire quattro parole che le hanno scritto sul copione  in fila senza risultare macchinosa e svogliata, come se facesse un piacere a stare lì sul palco.

Capisco che la tv voglia un certo dress code, capisco che Sanremo è in fallimento e che abbia bisogno di fenomeni da baraccone ogni sera per costringere la gente a guardarlo, vuoi Celentano di cui hanno fatto il solito vecchissimo giochino del: “Ci sarà? Non ci sarà?” da almeno 20 giorni e di cui non ho capito il successo, dato che non è un personaggio sconosciuto che suscita tutta ‘sta curiosità o che si sia ritirato dalle scene e di cui si senta solo la voce (vedi Mina), vuoi la farfalla di una ragazza alla quale si è già visto tutto nel famoso video porno.

Quello che io mi domando, già conscia delle reazioni che susciterò con questa mia riflessione, è se è veramente indispensabile far vedere la farfalla per avere audience. Abbiamo già detto che la Belen è bella e simpatica, dunque non ha veramente altre doti per poter porre l’attenzione su di lei? Non può sfilare, ad esempio, con dei vestiti muniti di uno spacco accettabile? Fossi in lei mi offenderei se mi chiedessero di far vedere la farfalla per raccattare telespettatori: indirettamente le si dice che non ha altre doti che attraggano se non il suo tatuaggio. Sì perché stranamente lo spacco è sulla gamba destra, là dove ha il disegno, e non sulla gamba sinistra, là dove (almeno credo) non sia presente nessun tatuaggio. Stranamente la mutanda che indossa è praticamente invisibile: ridottissima e color carne, non azzurra o fucsia a riprendere le altre parti del vestito. Stranamente l’animale raffigurato è una farfalla, una parola ambigua che richiama alla mente altri scenari ed altre immagini che non siano prati in fiore, stranamente il tatuaggio è accanto all’inguine: se fosse stato sul braccio non sarebbe certo stato la stessa cosa.

Concludendo, sul famoso lepidottero si sono dette tante cose e sicuramente se ne diranno altre: che serve a “risollevare i cuori” dalla crisi e pertanto dovremmo ringraziare la Belen per avercelo mostrato (Luca Telese) [per inciso, non sapevo che ora si chiamassero cuori], che “Lo spacco di Belen è eccessivo perché esibito in un momento televisivo molto familiare, non in seconda serata dove volendo puoi usare linguaggi e forme diverse, anche se  Belen è bellissima, che Dio ce la lasci così. È una forma di rispetto verso le donne anche il fatto di poterle fare esprimere nella loro bellezza e nella loro parte artistica.” (Marano) [Seh vabbè… ciao… è da trent’anni che marciano su ‘sta cosa usandola come scusante delle minigonne inguinali], che lei è una mignottona, che “Belen può permettersi di tutto”, che chi non è d’accordo sulla sua scelta di abbigliamento è solo invidiosa (perché ovviamente non possono che essere donne quelle contrarie, i maschi dissenzienti sarebbero gay) oppure bigottona e moralista, ma io dico che l’unica che ha vinto su tutti è sempre stata la tizia che ha mostrato quello su cui non batte il sole: pare infatti che lancerà presto una sua linea d’abbigliamento intimo dal nome: “La farfalla di Belen”. E questo conferma quello che ho sempre pensato sulla showgirl (nel vero senso della parola) argentina: più che essere bella, la Rodriguez è davvero molto sexy e molto furba.

Che poi non ho capito perché si debbano sempre consolare gli uomini e mai le donne; insomma anche noi abbiamo diritto all’espressione artistica maschile, al loro sentirsi liberi senza pregiudizi di sorta, al rispettarli perché si mettono a nudo nella loro bellezza, o no? Non siamo forse anche noi depresse dalla crisi? Non si era forse raggiunta la parcondicio?

Annunci

14 Comments

  1. “Concludendo, sul famoso lepidottero si sono dette tante cose e sicuramente se ne diranno altre: che serve a “risollevare i cuori” dalla crisi e pertanto dovremmo ringraziare la Belen per avercelo mostrato (Luca Telese) [per inciso, non sapevo che ora si chiamassero cuori]”

    Ti amo! XD

    Detto questo, non è solo la tv a farmi ribrezzo, ma la nostra società. Vedendo cosa si è costretti a fare, cosa ci si inventa per fare audiance mi domando: “dove andremo a finire?” ma poi mi rispondo da sola dicendo che è questa la fine. Non c’è più pudore nè dignità.
    E chi utilizza tutti questi sotterfugi, facendoli passare poi per innocenti [Vedi Belen che dopo aver messo in mostra ‘sto tatuaggio, ad un intervista lamenta di essersi stancata di suscitare così tanto gossip] o peggio, per spontanei [vedi la predica di Pupo a Celentano… Si capiva quanto fosse tutto già organizzato!] non ha capito la questione, e cioè che chi vuol vedere il festival, lo vedrà senza che Belen si denudi, o senza la presenza di Celentano, così come chi non vorrà vederlo, non si piegherà certo grazie a patetiche scenette.
    Siamo noi che facciamo Sanremo, perchè senza pubblico non si va da nessuna parte… Però finchè ci sarà chi si fa abbindolare con poco, finchè ci sarà chi guarda con ammirazione certe cavolate beh, siamo spacciati -.-

    Mi piace

    • Sì, chi vuol vedere Sanremo lo vedrà senza farfalle, sono d’accordo, così come il fatto che siamo noi a fare la tv. Anche se su quest’ultimo punto devo precisare che il 60% di quello che circola in tv ce lo fanno ingoiare a forza, insomma quando dicono che la Lorena Bianchetti è popolare non hanno contato me per esempio… 😀

      Mi piace

      • Il punto è che non vengono mai contati i “telespettatori” che fanno la differenza. Loro contano solo chi segue un determinato programma perchè gli fa comodo, altrimenti il successo se lo sognerebbero! E finchè si fa di tutta l’erba un fascio (perchè è impossibile che 10 italiani su 10 – secondo i loro infallibili calcoli – guardino l’Isola, Sanremo o quant’altro), non ci sarà veridicità.

        Mi piace

  2. Io Belen ai tempi dell’Isola dei Famosi la odiavo. Poi l’ho sentita parlare in altri contesti e l’ho rivalutata. L’impressione che mi sono fatta è che sia una persona dalla personalità forte, parecchio sveglia, molto determinata e sicura di sè. Come dici tu, più che di bellezza, nel suo caso si tratta di sensualità: sa comunicare molto col suo corpo (a differenza della Canalis che, per quanto fisicamente mi piaccia davvero molto, ha una bellezza molto “vuota” al confronto). Io ho sentito da qualche parte che il vestito lo ha scelto Belen “perchè le piace osare” e l’abito, a dirla tutta, a me non dispiaceva.

    Non so a che ora sia andato in onda tutto ciò perchè non ho seguito la diretta, ma mi pare fosse abbastanza tardi. Comunque qua potrebbe aprirsi un lunghissimo dibattito sulla donna/nudità in tv, ma io mi limito a commentare l’episodio beleniano che, personalmente, nè mi sconvolge, nè m’entusiasma. 😉

    Stasera cerco di guardare la finale, anche se non ho seguito molto e non ho sentito tutte le canzoni tifo per Dalla-Carone!

    Mi piace

    • Anche non odio Belen. Come te prima non potevo proprio vederla, perché mi sembrava che stesse in televisione solo per un motivo, poi mi sono ricreduta. Effettivamente ha presenza scenica, sa coinvolgere lo spettatore e anche quando presenta non sembra lo faccia per dovere ma perché si diverte. Come hai detto tu non è una bellezza vuota come quella della Canalis, hai usato proprio l’espressione giusta, se proprio devo essere sincera preferisco la Rodriguez tra le due, sia per bellezza che per modo di porsi.

      Quello che non mi piace di Belen (Belen perché in questo caso è la protagonista del nostro dire, il mio discorso è generale) è che usi e faccia usare sempre e comunque la sua fisicità in televisione, come se non ci fossero alternative. Ci sono altri modi per far parlare di un programma, non è strettamente necessario usare sempre il corpo della donna per poterlo fare. Non sopporto né questo né le giustificazioni sterili che se ne danno, come il fatto che questa è libertà di espressione e rispetto verso la figura femminile: in alcuni casi è anche vero ma in molti altri è solo nascondersi dietro un dito. Per la farfalla poi, anche per me se ne sta parlando troppo, ma sicuramente ci saranno “talpe” da una parte e dall’altra che seminano opinioni estremiste per continuare a far parlare di Sanremo il più a lungo possibile.

      Sinceramente non ho seguito molto la trasmissione ma Lucio Dalla mi è sempre piaciuto tanto quindi immagino che la canzone che indichi sarà molto carina. 😀

      Mi piace

  3. Ti ringrazio per l’ottima cuoca, è un piacere sentirselo dire 🙂 Volevo dirti che hai perfettamente ragione nel dire che Belen è una bellissima donna, però a me da fastidio il fatto che la tv italiana si aggrappa sempre alla nudità femminile per evitare fallimenti. Voglio dire non è normale che un programma serio, familiare e dedito alla musica venga ricordato più per la farfalla di Belen che per il resto… se l’intento era quello di mostrare il corpo di Belen allora quello non era proprio il contesto adatto (anche perchè si è già visto fin troppo di lei), se invece era per alzare il numero degli ascolti allora quest’anno Sanremo ha proprio toccato il fondo !!!

    Buon weekend 🙂

    Mi piace

    • Esatto, è quel che dico io… c’è sempre bisogno di far vedere qualcosa per poter far salire l’audience? Tanto più che Sanremo è il festival della canzone italiana, dovrebbe essere ricordato per quello più che per le sue donne… Non c’è niente di male a vestirsi in modo sexy, ma così si sfiora il volgare, il che è molto diverso.

      Buon weekend anche a te! 😀

      Mi piace

  4. Ti ringrazio !! E’ bello sentirselo dire *-* Io invece devo farti i complimenti per ciò che scrivi, è tutto assolutamente vero !! Credo che Sanremo abbia iniziato nel peggiore dei modi (con i 40 minuti di Celentano) e continuato ancora peggio con la farfalla di Belen (ma chissene frega poi??) perciò spero almeno che si concluda bene !! Io non l’ho mai guardato perchè sinceramente non mi piace molto, però ne ho sempre sentito parlare bene negli anni passati mentre quest’anno si è trasformato (come ogni altro programma) nel solito programma che per fare ascolti deve spogliare le presentatrici !! Mah…

    Mi piace

  5. Ps. Ti ho scritto due commenti perchè pubblicando il primo mi aveva dato errore e pensavo non me l’avesse pubblicato -.-” il mio computer a volte fa strani scherzi !! 😀

    Mi piace

  6. Sanremo non l’ho visto, mi rifiuto quasi di farlo e me ne dispiace, ma nessuno se ne dolga, le canzoni presentate non le tollero. Pensieri personali a parte, dici cose del tutto condivisibili. Belen la trovo simpatica, bella, sexy: farfalla e spacco a parte, è molto più guardabile e divertente di showgirl nostrane, ahimè. Forse i critici dovrebbero preoccuparsi più di questo. Kiss

    Mi piace

  7. Grazie mille cara! 🙂

    Per Belen posso dire che la detesto, ed è meglio se non vado oltre, potrei essere un fiume in piena AHAH 😉 La trovo davvero pessima e poco professionale uan che si scuce da sola il vestito apposta prima di entrare in sceba.
    Eleganza, decenza, gusto e classe pari a ZERO. Poi sta in Italia da una vita e ancora che sbaglia a parlare, è demenziale a livelli preoccupanti, senza contare che ci marcia a fare l’ingenua e la classica donna stupidina. E’ proprio in un baratro per me ; haha. Ok meglio smetterla qui và lol
    bisous cara xxx

    Mi piace

  8. “È una forma di rispetto verso le donne anche il fatto di poterle fare esprimere nella loro bellezza e nella loro parte artistica.” Grazie a Dio ci son donne che riescono ad esprimere la propria bellezza e la propria parte artistica rimanendo completamente vestite…ma per farlo devono saper fare qualcosa, e volersi impegnare ad usare questo talento. La Belèn il talento ce l’ha pure, almeno come presentatrice (poi a rotazione cercano di farla passare per bravissima cantante, attrice e non so che altro ma NO, grazie), ma tanta voglia di applicarsi non ce l’ha, tanto per lei l’importante è l’aver successo, non “l’aver successo perché si sa fare”, e per il successo basta far vedere al mondo che si gira senza mutande.

    Mi piace

    • Ecco il pensiero che mi ronzava in testa e che non riuscivo a focalizzare: il talento ce l’ha pure ma la voglia di applicarsi no, dato che va benissimo così e che “chissene se c’è un modo migliore per dimostrarlo”.

      Ecco ecco, brava Laurie, i post dovrei scriverli con te io. 😀

      Mi piace

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...