La cellulite è una malattia

Dunque, è dall’anno scorso che ho voglia di scrivere su questa pubblicità abnormale che circola su tutte le reti Rai e Mediaset, e, da novembre, pure su tutte le altre causa passaggio digitale terrestre della mia beneamata regione.

E dice che la cellulite è una malattia.

Questa qui per intenderci.

Ora, io non so se la cellulite sia una malattia o meno, so solo che quelli della Somatoline sono esperti in psicologia perversa con cotesta pubblicità perché io, ogni santa volta in cui mi ci incappo inevitabilmente parto con i miei grovigli mentali e i miei sensi di colpa allucinanti, roba che il silicio di Sylar nel Codice da Vinci è una frusta di liquirizia al confronto. Io ho avuto culo, col mio fisico, lo dico senza falsa modestia. Nel senso che porto una 42 ma non ho mai fatto niente per meritarla, sono troppo pigra, lo ammetto, e avendo un metabolismo sostanzialmente a mio favore non ho mai avuto nemmeno grandi stimoli per fare sport. Sono proporzionata, ho le mie curve, la forma del mio viso mi piace tantissimo e non ho mai richiesto grandi manutenzioni, né per la pelle né per i capelli.

Mi ritengo, dunque, fortunata.

Ma una cosa mi affligge, da sempre: la cellulite. Ricordo che la prima volta che apparve ero in prima superiore, dunque verso i 14 anni. E sulle prime manco la riconobbi. Non erano i classici buchetti, erano delle piccole smagliature bianche sulla parte alta della coscia. Non ci feci caso (nell’adolescenza ero un’intellettualoide che si prendeva troppo sul serio per preoccuparsi di aspetto fisico, vestiario e cose simili) e continuai fino a raggiungere la veneranda età di 23/24 anni. Da lì in poi mi sono resa conto che i buchetti erano evidenti. Me ne accorsi da una foto che mi scattò una mia amica al mare, dove facevo la scema e imitavo la posa di Betty Boop. Ecco, quella coscia sinistra appoggiata sulla destra mi rivelò in un secondo tutto quello che non avevo visto in anni di disarmante rifiuto mentale al fashion system: da lì cominciarono le mie paranoie. Se prima al mare andavo tranquillamente, ora mi nascondevo dietro un pareo. Se prima in costume stavo in qualsiasi posizione mi paresse, ora stavo attenta a mettermi in una che non evidenziasse troppo ‘sti buchetti del cavolo. Se prima mangiavo qualsiasi cosa volessi, ora stavo attenta a non ingurgitare cibo troppo salato. Ovviamente tutti questi sforzi sono stati vani; più che altro perché non costanti: dopo un po’ ricominciavo a lasciarmi andare, convinta che senza un adeguato esercizio fisico mirato (vedi attrezzo palestra) non avrei raggiunto risultati considerevoli.

Poi arriva codesta pubblicità che mi dice che sono malata. E qui mi offendo. Le altre non mi hanno mai fatto troppo effetto; ma questa raggiunge lo scopo. O meglio, raggiunge lo scopo solo in parte, dato che non ho mai comprato il prodotto e dato che sono permalosa, non lo comprerò mai. Però ogni volta che la mandano io inevitabilmente mi sento in colpa, inevitabilmente mi guardo allo specchio e constato che ho i cosciotti che lo Stincotto Palmieri mi fa un baffo, inevitabilmente mi sento in colpa perché dimentico di bere litrate di acqua (sul serio, io mi scordo di bere. Berrò sì e no 1 lt di acqua al giorno, e non ci conterei troppo), inevitabilmente mi sento un pallone e invidio da morire le gambe magre e affusolate di Bianca Brandolini D’Adda che si può permettere le stringate da uomo coi pantaloncini senza somigliare ad una bambola di creta modellata da un bambino di 5 anni. Che poi, effetto strano, da quando ho smesso di prendere la pillola (circa due mesi fa) mi sento ancora più gonfia e avevo persino messo su un chilo (poi fortunatamente abbandonato sul ciglio della strada) quando mi aspettavo l’effetto opposto.

Insomma Somatoline, devo farti i complimenti per la scelta degli ideatori pubblicitari. Un po’ meno per le paranoie che mi hai inculcato in testa, inutili poi, dato che a te non servono in quanto no tengo dinero per comprare il tuo prodotto, anche volendo, e a me che hai aggiunto un’insicurezza in più al mio già grave fardello di insicurezze riguardo le mie cosce. E per questo non ti comprerei anche se potessi.

Spero solo che le ragazzine non prendano troppo sul serio questo spot. Se lo togliessero (o modificassero) sarebbe meglio secondo me, può influenzare pericolosamente. Oltre che essere offensivo.

Annunci

13 thoughts on “La cellulite è una malattia

  1. Lo sai che solo tu la noti vero? Al mare dico: nessun altro se ne accorge, che hai tutti questi famigerati “buchini”.
    Quelli della Somatoline (e di tutte le altre cremine del menga) dovrebbero essere presi a badilate nei denti, per quanto mi riguarda. I malati sono loro. Non noi donne, portatrici sane (perché è costituzione e genetica, c’è poco da fare) di cellulite. Ovvio, bere, mangiare sano e muoversi può giocare a nostro vantaggio: ma i sensi di colpa non vanno bene! Suvvia!!!! 😀

    Mi piace

    1. Dici? Me l’hanno ridetta questa cosa ma io mi sento a disagio comunque. Anche S. mi dice che non li vede ‘sti dannati buchini, li vedo solo io.
      E’ che vedi, non è per gli altri che mi sento a disagio, ma per me stessa: se io mi piacessi, se mi piacessero i miei buchetti non mi importerebbe se gli altri mi additassero dicendo: “Bada quella che cosce grosse che ha!” perché mi vorrei bene così come sono. Ora sembra che mi considero un’obesa e mi detesto, non è così, anche nel post dicevo che tutto sommato mi piaccio fisicamente, è solo che essendo perfezionista, insicura e tremendamente critica nei miei confronti vorrei sempre qualcosa in più di ciò che sono/ho. I sensi di colpa sono in questo senso; perché potrei fare e non faccio. Insomma, come al mio solito, mi faccio troppi problemi. :wall:

      P.S. Perfettamente d’accordo con te per quelli delle cremine. Anche perché sono fatte apposta per creare dipendenza: mentre le usi ti sembra che funzionino, appena smetti o finisci il tubetto ritorna l’arancia lì. Difatti sono classificate come “prodotto cosmetico”, come il fondotinta: lo metti e sparisce l’occhiaia, lo levi è l’occhiaia è sempre lì.

      Grazie però. :*

      Mi piace

  2. Diciamo che quando ero giovane e più rinco e molto più magra mi facevo un sacco di problemi per il mio aspetto fisico – problemi che oggi e solo oggi riconosco essere del tutto infondati ed accampati.
    Ora sono più adulta e ancora un po’ più rinco e i problemi – in modo diverso – me li faccio ancora per il mio corpo. Solo che ora ho quei 4 – 5 chili in più che non riesco a buttare giù e quindi mi sento se non altro coerente con i miei patemi d’animo. Per fortuna però ad oggi ho cose molto più importanti cui pensare e per cui crucciarmi e quindi della crema somatoline non me ne può fregar di meno.
    E ti parla una che in creme della farmacia e trattamenti estetici qualche anno fa ha speso un patrimonio!
    Bacini cara! 🙂

    Mi piace

    1. Anche a me della crema Somatoline (in sé, come prodotto) me ne può fregar di meno, tanto più che ignoro qualsiasi crema dimagrante/snellente/rassodante/miracolante perché credo che le cosce di Gisele Bundchen si possano ottenere solo con lacrime e sudore, più un aiuto dal proprio dna ovviamente (se si hanno ossa grosse e/o un metabolismo lento, ciccia) ma devo ammettere a malincuore che questa pubblicità sortisce il suo effetto su di me; cosa che non fa la Somatoline snellente pancia e fianchi ad esempio. Secondo me dare della malata a qualcuno è terrorismo psicologico. 😀

      Io le uniche cremine che provai sono state quelle agli agrumi della Garnier Body Tonic e un’altra, che non ricordo assolutamente… la prima più che altro la presi perché era rinfrescante, aveva un buonissimo profumo e costava solo 5 euri. 😀 Per il resto, non credo servano realmente a qualcosa… e credo inoltre che la vera causa della cellulite sia la circolazione da riattivare, cosa che si fa muovendosi e facendo massaggi, non impiastricciandosi… e poi come diceva la Lauretta qua sotto, è genetica delle donne.

      Solo che se ne potrebbe anche andare insomma, tipo i peli superflui. 😀 😀 😀

      Bacini sparsi anche a te! :*

      Mi piace

      1. Io c’è stato un tempo in cui ero una PRO di creme e trattamenti estetici.

        E cmq io mi sono sempre chiesta: se è una malattia, perché nessuno la cura tranne una crema che si compra in farmacia senza prescrizione medica?!

        😉

        Mi piace

  3. Purtroppo cucciola sono dell’idea che molti seguiranno uno spot simile. E da cancellare dalla produzione non dovrebbe esserci solo questo.. ma quasi tutto quello che trasmette la tv.

    Mi piace

  4. non so che dire, tranne che mi sento fortunato ad essere uomo a volte…

    chi inventa pubblicità del genere comunque dovrebbe essere spellato, cosparso di sale e messo a cuocere al sole. Una pubblicità del genere rientra nell’ideale della bellezza e della superficialità di cui è intrisa la società odierna.
    Sia chiaro: non mi spiacerebbe l’idea di essere un semi-adone con gli occhi azzurri ed il capello leccato che fa cadere ai suoi piedi mezzo mondo, ma nella mia scala di valori la bellezza occupa un posto piuttosto bassino.

    Mi piace

  5. Ma sai che quando ho visto questa pubblicità per la prima volta, mi ricordo ancora, ero con mia mamma, ho detto a voce alta “una malattia?!?! vedrai le polemiche per questo spot!!”. Mi aspettavo qualcosa tipo quei servizietti da telegiornale e dibattiti scontati in qualche talk show, nulla di che… e invece niente. Zero! Ho continuato a vedere la pubblicità, finchè mi ci sono abituata, fino a non farci più caso. A ripensarci, mi sembra comunque sempre un’assurdità e mi rincuora sapere che altre ragazze se ne sono accorte e risentite quanto me. 🙂

    Per il resto, dicono che Somatoline sia una delle poche creme davvero efficaci. Per quanto ne so, gode di un’ottima reputazione nel suo campo e davvero non capisco perchè questa caduta di stile. :/ Stento a credere che chi ha ideato lo spot fosse animato da intenti negativi al 100%, dunque sicuramente non va demonizzato, ma il messaggio che lancia è sgradevolmente fraintendibile, inutile negarlo.

    Mi piace

    1. Anche io ho pensato la stessa cosa la prima volta che l’ho vista! Mi aspettavo indignatos e talk show a profusione sull’argomento… invece nulla! Ho letto in giro che la cellulite può essere considerata una malattia e non metto in dubbio la bontà del prodotto ma continuo a considerare dannosa una pubblicità simile, specialmente su una psiche facilmente condizionabile. Insomma, perché non dicono che è malato chi fuma in modo sconsiderato o chi beve? Secondo me è più dannoso un pacchetto di sigarette e una bottiglia di scotch al giorno che qualche smagliatura, nociva solo all’estetica…

      Mi piace

  6. anche io ODIO quella pubblicità, e non capisco perchè la mandino in onda con tranquillità nonostante il messaggio che lancia, a chiara voce tra l’altro. Ma che malattia e malattia…… è semplicemente una cosa NATURALE che hanno molte donne, magre e grasse……c’è chi ha la fortuna di non averla, chi invece ce l’ha nonostante tutto………
    Poi cmq è vero che gli uomini non la notano: mio marito, dopo quattro anni che stavamo insieme, un giorno di fronte alle mie paturnie sulla cellulite mi dice (seriamente): “ma scusa, perchè, tu hai la cellulite?” a me è venuta la goccia in testa stile cartone animato giapponese e da allora ho capito che gli uomini ci vedono in maniera completamente diversa da come ci vediamo noi, allo specchio………….

    Mi piace

    1. Anche il mio ragazzo lo dice sempre; per lui sono tutte mie paranoie perché non la vede. Alla terza volta che me lo disse gli indicai la coscia e feci: “Qui, non li vedi i buchetti?” E lui: “Sinceramente? No…”
      Non è la prima volta che sento della “cecità” degli uomini di fronte alla cellulite, forse è proprio vero anche se noi crediamo che lo facciano solo per cortesia o per quieto vivere… 😀

      Grazie del commento! :ciao:

      Mi piace

Cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...