Mese: agosto 2012

Mi sono stancata

Sì, mi sono stancata. Così ho eliminato tutti quei blog e quegli utenti di Instagram che seguivo per inerzia, non perché mi piacessero sul serio o mi comunicassero qualcosa ma solo perché mi riempivano la timeline (se si può chiamare così) dati i loro millemila post/foto al secondo. Insomma, basta. Più qualità e meno quantità, please. Così, per prima cosa, ho fatto fuori tutte le fashion blogger che seguivo eccetto Laura di Purses and I e Kristina Bazan di Kayture, e con stupore mi sono accorta che la mia home di Instagram non è affatto vuota come immaginavo ma mi piace di più, senza i commenti tutti uguali dei fan e gli strafalcioni arti-linguistici. Insomma, sono contenta di aver recuperato parte della mia antica filosofia di vita: "Se ti danno solo fastidio e puoi, eliminali". Forse tutto questo caldo non è venuto solo per nuocere. D'altronde, come diceva Caparezza: Trovo molto interessante… La mia parte intollerante… Annunci

Di amori nati all’improvviso

Domenica 12 lo hai visto. Era su una bancarella, quella situata nella stradina che porta alla Chiesa e che sulla mappa ha il numero 31 o 29. Quindi il nome “Lallalulù” o “Monili in ceramica”. Ma propendi più per il primo, ché di ceramica il meraviglio non ha niente.  Ancora vestita da dama (hai pure sfilato nel corteo storico quest’anno, ebbene sì) hai chiesto quanto costasse. Ti è stato risposto “18 euro ma sono fatti interamente a mano, sono di ottone senza nichel e inclusa nel prezzo c’è pure la catenina.” Qui hai degluttito e hai cercato di dimenticarlo. Ché 18 euri ce l’hai anche da spendere ma se poi ti servissero un giorno e tu non ce l’hai? Così hai ringraziato e hai tirato dritto. Sentendoti cattiva per averlo lasciato lì e stoica per aver resistito. Lunedì 13, sfilandogli davanti, lo hai guardato ancora. Il suo sguardo su di te. Ti chiamava. Martedì 14 lo hai visto al collo di una ragazza, poi di due, poi di tre. Normalmente a questo punto la voglia …