All posts filed under: fotografia

Piove

Amo quando piove, l’ho già detto vero? “Almeno una decina di volte” (voci sparse che mi risuonano nelle orecchie) Stamani poi sono riuscita ad alzarmi, vestirmi, truccarmi (e senza usare il fondotinta!) e scendere giù in piazza. Nonostante sia uscita di casa alle 11.40 è stato piacevole uscire a fare una passeggiata, prendere un ginseng con mamma e fare un po’ di vita social. Sono stata da Claudia a farle un saluto (lo ammetto, sopratutto per sfuggire al mazzi che camminava avanti a me. Non per cattiveria ma non avevo voglia di attaccare bottone e ripetere mille volte “no grazie” al sicuro caffè che mi avrebbe offerto) e dal Sabaticcio. Ho scelto appositamente di fare il giro lungo e non tagliare per il borgo, come faccio sempre, proprio per godermi la girata. Di solito quando esco scelgo sempre la strada più breve e le opzioni che mi consentono di risparmiare più tempo possibile, ma sono convinta che se prendessi le cose con maggiore calma vivrei meglio. Sono arrivata su al boschetto e mi sono seduta …

Insta… words?

Ci sarebbero tante cose da dire e da raccontare, da come ho ricoverato uno dei miei “gattini di campagna” a casa mia che stava male perché debilitato dal troppo caldo, di come io e mio fratello ci siamo messi a giocare a Uno di nuovo anche se fa tanto vintage, del fatto che mio papà mi abbia costruito un’amaca, oggetto che desideravo da quando la vidi sotto il portacoda di Paperino per la prima volta su “Topolino”, del fatto che mi sia fatta una scorpacciata di Rat Man in pochi giorni, del fatto che abbia scoperto di amare più Lomo Camera che Instagram, di come abbia partecipato alla mia prima sfilata medievale e di come abbia rimesso a nuovo il sito di mia mamma. Ma più di tutto, quello che mi preme rivelare al mondo è che a volte l’intolleranza a certe situazioni possa essere, a dispetto delle apparenze, benefica, poiché permette di stare meglio con se stessi e con gli altri. Non sottovalutatela!  :witch: P.S. Il nuovo vestito del blog è opera della mia deliziosa quanto geniale …

Sicuramente conoscete la voglia di scrivere qualcosa sul proprio blog ma di non sapere cosa. Quella vocina che vi sussurra: “Aggiorna, aggiorna”, quella voglia di sentir picchiettare le dita sulla tastiera e di leggere nel proprio template il risultato di quel suggerimento. Poi però, una volta seduti di fronte allo schermo, il vuoto: “Sì, va beh, e ora? Di che scrivo?” In realtà avrei tanti spunti da sviluppare: ci sono ancora i miei disegni per la rubrica “La pazzia di Vale”, ci sono le foto che ho scattato in questi giorni, ci sarebbe da parlare dell’incoscienza/follia che spinge le persone ad analizzare e condividere ogni minima parte della propria vita col resto del mondo (ho trovato video su You Tube di gente che filma qualsiasi cosa, anche la tazzina di caffè e il biscotto che mangiano per colazione accompagnati dalla minima descrizione del rituale quotidiano), ci sarebbe da parlare di Rossella, il seguito di Via col Vento che finalmente ho terminato di leggere, ci sarebbe da parlare del Trono di Spade, che ho quasi visto …