All posts filed under: Follie di prima gioventù

La parola che inizia per D.

Ieri sera il mio adorabile Fidanzato mi fa, indicando lo spazio tra la scrivania ed il muro: “Vedi qui, qui ci starebbe bene una cesta, c’è un sacco di posto vuoto. Oppure l’asse da stiro aperta! (NDR: E’ da una ventina di giorni che dico di voler comprare un’asse da stiro seria in luogo di quella da tavolo dell’Ikea) Così farebbe anche da piano di appoggio…” “…” “Eh? Che ne dici?” “Tu dimentichi la regola universale che vige in questa casa.” “…” “Comincia per D” “Che Decidi tu.” “Anche. Ma ora… qual è la regola universale, principio primo, assioma incontestato ed incontestabile?” “…” “Il Design!!! Ti pare che un’asse da stiro posizionata lì, aperta addirittura, rispetti le regole universali del Design?” (…ad ogni modo, anche il Decidi tu è cosa buona e giusta, se non sacrosanta.)

Writing Challenge: le tue infatuazioni per tre celebrità

Altro giorno altra Writing Challenge: questa volta devo raccontarvi di chi sono o stata infatuata tra le celebrities. Cominciamo: Quando andavo alle elementari mi innamoravo spesso dei protagonisti dei cartoni (anche loro valgono come celebrità, no?) ma sopra tutti ce n’era uno ed uno solo: Johnny di “E’ quasi magia Johnny.” Ero talmente cotta di lui che scrivevo il suo nome sui quaderni, sui fumetti e dove mi capitasse, da grande volevo somigliare a Sabrina (anche perché, strano ma vero, non ne ero affatto gelosa – capivo che tutto sommato erano cartoni!) che trovavo bellissima… e per un certo periodo ci sono anche riuscita, almeno per quanto riguarda i capelli. Crescendo cominciai ad interessarmi alle boyband, e di conseguenza presi una cottarella per Nick dei Backstreet Boys. Avevo il diario pieno delle sue foto (e quelle della band in generale), dei loro testi e delle loro interviste. Ah disgraziata. L’ultima celebrità per la quale ho preso una cotta è stato il buon Sergio Muniz… avevo il poster attaccato all’armadio davanti al letto, nel periodo di …