All posts filed under: Premi

A volte Fox ha ragione.

Partiamo dal presupposto che io, agli oroscopi, ci credo il giusto. Li leggo quando mi capita, ma di certo non sto tappata in casa se mi dicono:”stacci perché il giorno è infausto”. Credo nelle caratteristiche del segno, quello sì, perché vedo che ci azzeccano di quando in quando. Ma e dico ma non sono una fanatica. Guardo la classifica di Paolo Fox insieme a mia mamma, per divertimento, perché lei è sempre stata appassionata di oroscopi fin da quando posso ricordare, anche se non si è mai messa a fare gli scongiuri se Branko le diceva che era una giornata sfortunata nè a sperperare denaro se le prevedeva una vincita alla lotteria. Domenica scorsa quindi, come di tradizione, abbiamo guardato insieme l’oroscopo di Paolo Fox. Io (verginella) ero all’undicesimo posto, e questa settimana avevo ben due esami da sostenere: uno canonico che avevo deciso di preparare di mio (diritto tributario) e l’altro (quello di cui avevo già parlato qui) per cui avevo deciso di fare la secchioncella e provare con la domanda in più per …

…e di ragazze fulve e ricciolute.

Finalmente stamattina ho dato il mio ultimo esame della sessione di cui parlavo nel post precedente, ed è riuscito con successo. Posso dire che la mia estate è finalmente incominciata. 😀 Quando sono arrivata all’università non c’era praticamente nessuno, solo io e il portone ancora chiuso. Avevo dovuto infatti accompagnare il mio fratellino a scuola per i corsi estivi, per cui ero arrivata molto in anticipo, verso le otto meno dieci, ed era ancora tutto serrato. Mi sono seduta su una panchina ad aspettare pazientemente e quando il portone si è aperto non c’era veramente nessuno. Eravamo solo io, una bidella e un’altra ragazza dai capelli fulvi e molto riccioluti, con una minigonna e un pesante libro sotto il braccio, che ha attaccato subito bottone, chiedendomi che tipo di esame dovessi fare e lamentandosi del suo – giustamente, era diritto privato II. Premetto che io non conoscevo la prof, visto che non ho seguito il corso nè assisito a nessun suo esame, per cui non sapevo nemmeno che faccia avesse. –br– Dopo averle detto del …

… e di riflessioni sul mondo moderno

Ordunque alla fine ho trovato la famigerata minigonna di jeans, dopo aver girato circa diecimila negozi senza risultato (o troppo corte, o troppo strette, o troppo lunghe, o troppo  larghe, o troppo da vecchia etc etc) e quando ormai avevo perso le speranze e l’autostima (gli specchi della Oviesse mi hanno reso un’immagine delle mie cosce stile quelle di Totti, con un sedere basso e largo) ho trovato ciò che faceva per me nel meraviglioso negozio della Promod, dove non solo avevano le minigonne che facevano per me ma anche dove le mie cosce stile Totti e il mio sedere basso e largo sono entrate alla perfezione in una taglia 40, alla faccia dell’odioso specchio della Oviesse (Tiè!!! tiè!!! Schiantate specchi deformanti dei camerini!!! ). Questo per dire che uno non deve fidarsi degli specchi, come insegna Alice, perché ogni capo ha una vestibilità sua: io sono taglia 42 eppure sono entrata in una 40… e non sono nè dimagrita nè liposucchiata. Magari sarei entrata in una 44 che vestiva meno pur non essendo ingrassata. …