All posts tagged: Chicche da mondo malato

… farsi venire le paranoie sugli ultimi (?) esami da dare alle 19.26 del sabato sera è da malati. Devo prenderne atto. A maggior ragione, aggiungo che ho studiato benissimo fino ad un’ora fa, cioè fino a quando non me ne sono preoccupata creandomi i film. Via su. Che sei vecchia. (Cit.) Annunci

Obsession

Appena sveglia ho ormai un unico pensiero fisso: laurearmi. Come una novella Bridget Jones, mi sveglio e penso che ancora non sono laureata, che ormai sono vecchia e che gli altri sono tutti molto più avanti di me. E che probabilmente rimarrò loro dietro. E che mentre gli altri, con coroncine d’alloro e Moët & Chandon in mano brinderanno a breve alla fine dell’incubo, io rimarrò qui, sola, a brindare col mio consueto succo di pesca. Per quanto riguarda poi la ricerca di un lavoro, oh, per quello forse siamo accomunati: chi ha una laurea al giorno d’oggi non è tanto più fortunato di chi non ce l’ha. Ma almeno l’ha conseguita, cavolo, è sua, ha quel maledetto pezzo di carta che sogno continuamente davanti agli occhi come fossi un’innamorata. Odi et amo, appunto, come diceva il buon Catullo.   Mi sento intrappolata. Mi sento imprigionata in un mondo non mio, in una vita non mia, e per quanti sforzi faccia mi sembra che a nulla valgano, anzi, se possibile, la situazione peggiora. Mi sento vecchia, surclassata. Se mi guardo allo specchio la mia immagine è giovane, …

Problemoni

Stamattina mi sono provata di nuovo il vestito per il matrimonio (che è domani). E improvvisamente ho avuto mille dubbi.  Calze nere o color carne? Borsa nera o rossa? Sono davvero convinta del vestito che ho scelto?  E’ sopratutto l’ultimo punto che mi assale: se al negozio lo vedevo scivolarmi addosso come un guanto ora lo vedo tutto bozzi e rigonfiamenti e, cosa da considerare, io mi vedo tutta bozzi e rigonfiamenti. Come posso vedermi così radicalmente diversa nel giro di una settimana? Forse perché lo specchio di casa mia è uno specchio deformante? Nel negozio mi vedevo bene mentre ora non mi piaccio per niente. E se avessi dovuto prendere l’altro vestito al posto di questo? E’ la cruda realtà o sono i miei poveri occhi sbilenchi? E altre amenità simili condite da preoccupazioni per gli esami che ho la prossima settimana e il poco tempo che mi rimane per far tutto dato che ho trovato una nuova bimba alla quale fare ripetizioni di latino (me gaudente) dalla quale devo recarmi oggi.  Non voglio …