All posts tagged: Luci nel buio

La Palisse, fai il favore, scansati.

Il 20 maggio pensavo: “Ah, tra due mesi a quest’ora dovrei essere un bel pezzo avanti, se tutto va bene. Dovrei aver tolto di mezzo gli esami più difficili e grossi. Se tutto va bene“. Ora. Confrontando la me stessa di due mesi fa che, china sui libri con lo sguardo perso nel vuoto e stufa di studiare si concede una fantasia di libertà con questa che fa finta di suonare la chitarra mentre canta “Pegasus Fantasy” a tutta randa, un pensiero mi sorge spontaneo: non tornerei indietro nel tempo di due mesi neanche se mi pagassero. Ma è inutile dirlo, vero? Annunci

A volte Fox ha ragione.

Partiamo dal presupposto che io, agli oroscopi, ci credo il giusto. Li leggo quando mi capita, ma di certo non sto tappata in casa se mi dicono:”stacci perché il giorno è infausto”. Credo nelle caratteristiche del segno, quello sì, perché vedo che ci azzeccano di quando in quando. Ma e dico ma non sono una fanatica. Guardo la classifica di Paolo Fox insieme a mia mamma, per divertimento, perché lei è sempre stata appassionata di oroscopi fin da quando posso ricordare, anche se non si è mai messa a fare gli scongiuri se Branko le diceva che era una giornata sfortunata nè a sperperare denaro se le prevedeva una vincita alla lotteria. Domenica scorsa quindi, come di tradizione, abbiamo guardato insieme l’oroscopo di Paolo Fox. Io (verginella) ero all’undicesimo posto, e questa settimana avevo ben due esami da sostenere: uno canonico che avevo deciso di preparare di mio (diritto tributario) e l’altro (quello di cui avevo già parlato qui) per cui avevo deciso di fare la secchioncella e provare con la domanda in più per …

Obiezione!

Al quinto giorno di stage, sono andata ad assistere ad un’udienza penale oggi. La cancelliera mi ha portato con lei e, meraviglia delle meraviglie, mi ha fatto sedere accanto al giudice, lassù, proprio sotto la scritta "La legge è uguale per tutti" (ahimè sempre meno vera). E’ stata molto gentile e ha risposto a tutte le mie domande, spiegandomi come funziona e le varie sigle utilizzate nel processo. Mi sono sentita come agli esami: quando, finito di ascoltare i testimoni e i vari avvocati, il giudice scriveva in silenzio la sua decisione, mi sembrava di essere durante una prova universitaria, quando trattieni il fiato in attesa del voto finale che ti danno. Solo meglio perché questa volta ero dall’altra parte del banco. 🙂 Finite tutte le udienze la cancelliera ha chiesto al giudice se potesse darmi il nome delle prossime udienze, così che io possa studiarmele e vedere meglio di cosa si tratta, dato che, contrariamente a quanto pensassi, nel momento iniziale non si danno le indicazioni del caso perché tutti sanno già tutto (a …