Breviter

Standard

In questi giorni ho guardato due storie che mi hanno fatto commuovere.

Il primo è AIR, ed è un anime del 2010.

Il secondo è LEI, ed è un film del 2013.

Due storie d’amore, due storie di persone lontane eppure vicine.

Ed io guardo, e mi commuovo, e odio quando mi commuovo.

Sono febbricitante in questi giorni, i miei nervi sono ipersensibili e ho la costante sensazione di vivere in un sogno.

-Ti sei mai chiesto cosa potresti fare se potessi usare la magia?

Mercoledì

Standard

Nessun programma, cantante o personaggio pubblico in generale mi ha mai fatto condividere apprezzamenti pubblici.

Non avevo Facebook o Twitter all’epoca, ma credo di stare ufficialmente regredendo alla mia adolescenza. Oppure sono le conseguenze della mia decisione di esternare di più quello che mi piace senza aver paura di essere giudicata dalla gente. Speriamo sia la seconda.

Martedì

Standard

Ho un sonno che non ci vedo più. Non so se è perché dormo male, con la gattina nel letto, o perché abbia un po’ di allergia. O, semplicemente, io abbia gli occhi stanchi.

Fuori i muratori picchiano come se non ci fosse un domani, e da una parte la cosa mi fa estremamente piacere: più lavorano e prima finiscono. Oggi hanno scrostato tutto l’intonaco dal muro e dalla ringhiera, quindi la cosa mi fa ben sperare.

La micina è tornata alla terra, spero che ci rimanga. Anche per lei: qui, chiaramente, si annoia molto.

Venerdì ho la laurea di Manuel, e ovviamente oggi è arrivato un messaggio dove mi si chiede se sia io ad occuparmi di raccogliere i soldi per la busta. Mi chiedo se qualcuno di loro caritatevole e di buon cuore farà lo stesso per la mia, di laurea, sempre che li inviti ad assistervi.