Summertime Sadness

Standard

“Cominciamo bene” mi sono detta ieri sera, quando mi sono accorta di aver saltato la pubblicazione del secondo post della lista. Ma non sono venuta meno al mio proposito, giuro. Ieri è stata una giornata piuttosto frenetica; sono stata fuori casa fino a sera tardi e quando ho guardato l’orologio e ho visto che era mezzanotte, mi sono detta che era decisamente troppo tardi per poter pubblicare in tempo.

Comunque.

La canzone di oggi è Summertime Sadness, e, finalmente, è una canzone che conosco.

Summertime Sadness mi riporta alla memoria il Grande Gatsby, sebbene non faccia parte della colonna sonora del film. Mi sembra sia uscita qualche mese dopo la pellicola, che conteneva un altro brano di Lana Del Rey -Young and Beautiful – che, complice forse Jay Gatsby, mi piace di più.

L’estate del 2013, anno in cui è uscita questa canzone, è stata difficile. Ricordo che, ascoltandola, ho pensato che poteva benissimo adattarsi alla mia situazione… non per colpa di un ragazzo, questo no, ma avevo cominciato da pochi mesi la pratica professionale e diciamo che nello studio che frequentavo si impegnavano per non farmi sentire proprio a mio agio. E ci si impegnavano di proposito, in virtù di un non ben specificato metodo spartano unito – di questo ne sono convinta – ad una tendenza naturale determinata da 1. paura di avere relazioni umane di qualsivoglia specie e 2. far sentire – e quindi far apparire – gli altri delle nullità per risaltare agli occhi dei capi. Non ho mai dimenticato quelle persone e continuo a detestarle, anche se sono passati diversi anni. Non credo riuscirò mai a lasciarle definitivamente indietro perché quella è stata la prima volta che mi sono scontrata davvero con la Meschinità, la Strafottenza, la Noncuranza, l’Indifferenza e il Sadico Divertimento di vedere, da comode poltroncine di velluto, un combattimento impari di gladiatori. Uno schifo che mi si è ripresentato, nello stesso mondo, da un altro punto di vista.

Ad ogni modo, Summertime Sadness continua a rimanere una bella canzone, che ascolto sempre volentieri. Mi piace molto la prima parte, sopratutto la descrizione di lei attraverso i contrasti cromatici tra il vestito rosso nell’oscurità sotto la pallida luna, i capelli acconciati da regina e i tacchi alti. Mi sembra quasi di vederla, quella figurina che danza nella notte, giovane ed emozionata, con il cuore che batte a mille.

Fuori piove.

Standard

wp-1479422398176.gifFuori piove, scroscia l’acqua sulle strade crepitando e sbattendo la strada. Colpisce forte il suolo, sgranocchia, precipita, si infrange, va in mille pezzi, si frantuma. Piccole noci cadono schiantandosi al suolo, dure e croccanti. Giocano a rincorrersi le mille perline rovesciate sul pavimento duro, la manciata di ceci secchi sul tavolo, le biglie d’argento sul fondo del barattolo. Piove, ed io mi fermo ad ascoltare. Così, nel silenzio della notte. E mi viene in mente di quando, bambina, facevo la stessa cosa, e mi affacciavo alla finestra per vedere cadere la pioggia, e mi piaceva tanto sentirmi al sicuro, a sentire l’odore dell’acqua che cadeva dal cielo. E capisco da dove viene questo amore per la pioggia, e il sentirsi al sicuro, protetta. E mi manca la mia finestra, la mia cameretta, il mio lampione davanti casa, davanti al salice.

Piove, ed io mi fermo ad ascoltare

Ricordi

Standard

Guardo la foto della mia scrivania invasa dagli oggetti – di diritto, più che altro – e penso che sembra una foto in bianco e nero con i soli particolari rossi. Queste giornate sono molto stancanti e vivo nell’eterna sensazione che debba accadere qualcosa da un momento all’altro. Allo stesso tempo penso a Firenze, e a quanto possa essere bella d’autunno. Penso al primo anno di università; al primo freddo, alle prime foglie croccanti, a Ponte Vecchio nell’aria frizzantina di ottobre. Penso anche a quando non mi rimase più un soldo perché li spesi tutti per acquistare il Trabucchi. Sono passati undici anni da allora, eppure non posso fare a meno di pensarci, è più forte di me.