All posts tagged: Scrivere creativo

#Disestoria – 18

Ecco il tema per la #Disestoria di oggi. Ogni giorno pubblichiamo un disegno, stilizzato o minimale, e da quel disegno dovete farvi ispirare per una STORIA. Non mettiamo limiti di nessun tipo. Se volete giocare su Twitter avrete sicuramente da risolvere il problema dei 140 caratteri, ma sappiamo che ne siete più che capaci, qui […] via #Disestoria – 18 — Scrivere creativo Era ancora così buffo, saper camminare lungo la parete di budino. Avevo dato retta al Cappellaio Matto, e mi ero lasciata convincere – non senza qualche remora –  a procedere “in avanti, dritto e poi giù!” per dirla con le sue parole. Mentre procedevo verso l’abisso, mi rendevo conto di provare una sensazione stranissima, tra lo stupito e lo spaventato. C’era anche un po’ di divertito, mentre il dolce profumo del caramello mi stuzzicava il naso, facendomi brontolare lo stomaco. “A che mi servirà saper camminare sul budino, proprio non lo so” mi chiedevo, mentre continuavo ad andare verso il fondo del baratro. “Tu impara, poi vedrai” mi rispose il Cappellaio dalla cima …

Provo a tornare. Seriamente.

E’ da quando è iniziato l’anno nuovo che mi pongo come obiettivo quello di tornare a scrivere, e addirittura di farlo scrivendo un post al giorno (!). Come avete ben visto, il primo post del 2017 ad essere pubblicato su questo blog è del 18 gennaio… assai dopo Capodanno. Un buon proposito andato già a farsi benedire. 😀 Mi dispiace essermi allontanata, avevo promesso a me stessa che non sarei stata una blogger di quel genere, ma, mio malgrado, ho dovuto staccare e lasciar andare questo spazio, sacrificandolo ad altre cose. Nonostante questo non ho voluto lasciar perdere del tutto il mio progetto e, realizzarlo, ho cercato su internet qualcosa di carino da poter scrivere ogni giorno, che sopperisca alla domanda ancestrale: “Cosa scrivo oggi?” che porta, inevitabilmente, al non scrivere affatto. Ho trovato, su Tumblr, questa lista di spunti bloggheschi. A differenza delle Writing Challenge comuni, però, questa mescola musica & scrittura, perciò mi piaceva particolarmente farla. L’account che propone questa sfida è 30daychallengearchive, ed il post è di due anni fa, ma immagino che si possa …

Salvata dalla campanella

In response to The Daily Post’s writing prompt: “Saved by the Bell.” Tell us about a time when you managed to extract yourself from a sticky situation at the very last minute. Eccetto le volte, a scuola, in cui venne veramente salvata all’ultimo secondo dal suono della campanella, un esempio di situazione scomoda evitata in extremis le fu offerto proprio quella mattina: nell’edificio dove lavorava gli uffici erano comunicanti tra di loro grazie a delle porte presenti nelle pareti interne e, mentre si trovava sulla soglia di una di loro, chiacchierando con le colleghe degli impegni giornalieri dopo aver dato il consueto buongiorno, sentì, mentre salutava per andare via, la porta dell’ufficio accanto aprirsi, e la voce stridula e petulante della collega che non sopportava fare capolino nella stanza buia. Subito, con l’eleganza di una ballerina e il tempismo meccanico di un automa, girò sui tacchi per uscire dalla porta principale dell’ufficio proprio mentre quella interna si apriva lasciando entrare la fastidiosa e lagnosa creatura. Fu quel “ciao, a dopo” di qualche minuto prima il suono della campanella: le …