All posts tagged: vita

Writing Challenge: racconta del tuo primo amore.

Seguendo l’esempio di Contraddizione Ambulante, ho deciso di intraprendere la Writing Challenge proposta da Progetto Felice: so di essere un tantinello in ritardo ma meglio tardi che mai… no? Dunque, cominciamo. “Racconta del tuo primo amore” Cominciamo alla grande! Dunque, il mio primo amore è quello attuale. E’ il mio S., al quale sono legata da ben dieci anni… Il nostro è stato un amore alla Capeside: eravamo membri del gruppetto di amici che fa sempre tutto insieme, cresce insieme, litiga, fa la pace… Diciamo sempre che stiamo insieme da dieci anni ma ci conosciamo da molto più tempo… 15 anni almeno direi. E’ un ragazzo serio, dolce, affidabile e incredibilmente divertente: la sua gioia di vivere mi contagia ogni volta, mitigando molto il mio carattere analitico e alle volte troppo rigido. Adoro stare insieme a lui, sento di potermi aprire ed essere me stessa, non mi trattengo come faccio con gli altri, calo la maschera e mi rivelo per quella che sono. E’ la persona più importante del mondo per me ed è, allo stesso …

Follow the white rabbit

Stanotte ho fatto uno strano sogno. E’ uno di quei sogni che anni fa facevo praticamente ogni notte: io, con le gambe molli, cercavo di raggiungere un punto B partendo da un punto A ma, nel tragitto, incontravo difficoltà di ogni genere; dalle stradine tortuose che si aggiungevano a mano a mano che camminavo, stile Inception, al punto B che si spostava. In pratica, quando mi svegliavo, stavo ancora cercando di arrivare alla meta. Spesso dovevo gridare qualcosa ma, come nelle migliori tradizioni, non avevo la voce. La cosa ancora più strana (lo so, sembra incredibile) è che io non avevo paura, ero anzi piuttosto scocciata di dover fare tutta quella inutile fatica e, quando i sogni divennero ricorrenti, pensavo addirittura, un secondo prima di svegliarmi: <<Ecco, di nuovo il mio solito sogno, che noia!>> Stanotte la storia si è più o meno ripetuta secondo il copione: questa volta, il punto B era la casa del mio ragazzo, dove c’era la festa di Capodanno. Andavo dunque alla stazione, che si trovava sotto la mia ex università, ma …